VISUAL STORYTELLING 2.0

Un’ immagine vale più di mille parole? La comunicazione tramite immagine risulta essere più immediata e di forte impatto, insomma efficace. Un’ immagine, infatti, “parla” e racconta senza l’utilizzo delle parole, suscitando un’ emozione da parte dell’osservatore.
Le immagini hanno il potere di teletrasportarci immediatamente in un posto, legarci ad una sensazione, non necessitano di un traduttore ma adottano un linguaggio internazionale (non è un caso se la fotografia viene definita l’ottava arte).
Ormai siamo entrati in una fase dove la comunicazione visiva è sempre più importante, soprattutto nelle dinamiche aziendali che cercano di ricorrere sempre più al visual storytelling per adottare una strategia vincente per il proprio brand. L’azienda riesce, in questo modo, ad avere una nuova opportunità: raccontarsi, creando curiosità, empatia e condivisione con i clienti.

Che cosa intendiamo con l’espressione Visual Storytelling?

Con questa espressione ci riferiamo al processo di costruzione e organizzazione della “narrazione di un racconto”, che utilizza le immagini come mezzo espressivo. Anni fa, lo Storytelling era una tecnica utilizzata prettamente nella pubblicità televisiva, nel cinema e in ambito teatrale. Oggi, risulta essere uno degli strumenti più importanti per coloro che si occupano di Social Marketing.

Di quali strumenti abbiamo bisogno per raccontare una storia visivamente?

 

Autenticità

Uno dei primi elementi da raccontare è proprio l’autenticità. Per le aziende, nell’epoca dei social media dal punto di vista comunicativo tutto ciò è importantissimo: bisogna mostrarsi per ciò che si è. Promuovere immagini autentiche, quotidiane e naturali aiuta il brand a mettersi nei panni dell’utente, cercando di comunicare con lui e raccontare il suo mondo.

 

Sensorialità

Dobbiamo emozionare l’utente, colpire e stimolare i suoi sensi. Come quando raccontiamo una storia non dobbiamo avere la paura di emozionare perchè è proprio dall’emozione che si innescano meccanismi di identificazione e di empatia.
Nei siti web, un ottimo modo per stimolare l’utente possiamo ritrovarlo attraverso l’utilizzo di immagini grandi, evocative e ad alta risoluzione. Tutto ciò permette sia di migliorare l’esperienza di navigazione sia di “lasciare il segno” tra i ricordi del nostro utente.

 

Importanza dei modelli

Quando scegliamo di comunicare qualcosa attraverso un’ immagine, all’interno di un sito o di un social network, è molto importante capire come questa può venire percepita dalle differenti tipologie di utenza. Proprio per questo è utile adottare modelli “senza tempo”, già conosciuti e non completamente estranei all’utente.

 

Rilevanza

Dobbiamo fornire, inoltre, immagini che raccontino il mondo che circonda i nostri potenziali utenti e che siano pertinenti con ciò che stanno vivendo in un determinato periodo storico. Infatti, se le immagini che proponiamo per raccontare il nostro brand sono rilevanti e interessanti per i fruitori, essi dimostreranno sicuramente più interesse nell’interazione. Entra quindi in gioco un fattore fondamentale della comunicazione: bisogna conoscere interessi ed esigenze legate al proprio pubblico di riferimento per arrivare a costruire un piano editoriale unico e cucito su misura addosso ai nostri potenziali clienti.

Possiamo sostenere che il Visual Storytelling è al centro delle strategie di comunicazione delle aziende. Non basta più pubblicizzare i propri prodotti o servizi, ma è necessario raccontarli emozionando.

Elisa Cavagnini


Elisa Cavagnini è una giovane torinese nata il 22 agosto 1992. Dopo aver conseguito la maturità scientifica, si è iscritta all’Università degli Studi di Torino dove ha studiato Comunicazione e attualmente sta per conseguire il titolo di studio. Si descrive come una persona creativa e
curiosa, amante dei particolari e della semplicità. Tra le sue più grandi passioni ritroviamo la comunicazione e la musica.

Chiudi il menu

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.